Parigi, la città dell’amore da visitare in 5 giorni


Strappatemi il cuore, ci vedrete Parigi.

(Louis Aragon)

Parigi, la città dell’amore. Capitale francese, centro mondiale di arte, moda e gastronomia. Che siate alla scoperta di tutte le capitali europee, o una famiglia in cerca di un arricchimento culturale, o ancora, una coppia innamorata che vuole respirare tutto il romanticismo della città, Parigi è una meta da non poter perdere e da fare almeno una volta nella vita. The Black Raven propone un itinerario pocket adatto un po’ a tutti.

5 GIORNI A PARIGI:

1. Volo, Ponte Nuovo (Pont Neuf), Il de la Cite (Cattedrale di Notre Dame e Saint Chapel);

2. Cattedrale di Saint-Denise, Basilica del Sacre Coeur, Arco di Trionfo;

3. Reggia di Versailles;

4. Museo del Louvre, Champs Elysee, Moulin Rouge;

5. Torre Eiffel, Volo;

GIORNO 1

Foto di David Mark da Pixabay

Arrivo a Parigi in mattinata, visita dell’Ile de la Cite. Si entra nell’isola dal Ponte Nuovo (Pont Neuf), da cui ci si può dirigere verso Saint Chapel, cappella in stile gotico finita nel 1248 nota per le sue stupende vetrate,  e la Conciergerie, principale sito di detenzione durante la Rivoluzione francese.

Si può ottenere un biglietto di € 13.80 per poter visitare le due strutture.

Finita la visita, pranzo a sacco o in una delle tante gastronomie facili da scovare un po’ ovunque. Nel pomeriggio riprendiamo la visita.

Visita della nota Cattedrale di Notre Dame (date le situazioni attuali della Cattedrale in seguito all’incendio del 15 aprile, si consiglia di fare comunque un piccolo salto alla piazza). Un’ottima alternativa da fare per i più romantici è la crociera sulla Senna della durata di un’ora (prezzo intorno alle € 13,50)

Rientro in Hotel e cena.

GIORNO 2

Portale della Basilica di St. Denise. Foto di Guy Dugas da Pixabay

Colazione in Hotel, o approfittarne per gustare un pain au chocolat nell’atmosfera di un cafè parigino.

Visita della Cattedrale Medievale di Saint-Denise terminata nel 1144, prima nel suo genere ad utilizzare elementi di architettura gotica. La visita della Basilica è gratuita, quella del museo, invece, è gratuita fino ai 25 anni per tutti I cittadini europei. Per tutti gli altri il biglietto costa € 8,50.

Finita la visita ci dirigiamo verso la Basilica del Sacre Coeur terminata nel 1914.

Pranzo.

La visita finisce con la visita dell’Arco di Trionfo, imponente monumento voluto da Napoleone Bonaparte in omaggio alla vittoria nella battaglia di Austerlitz. (Si consiglia di non proseguire per gli Champs Elysee, e rimandare la loro visita il giorno dopo con più tranquillità).

Rientro e cena in Hotel, o in uno dei tanti ristorantini suggeriti da Trip Advisor.

GIORNO 3

Reggia di Versailles. Foto di ian kelsall da Pixabay.

Colazione presto in Hotel o in un Cafè tradizionale.

Visita della Reggia di Versailles e dei Giardini. Ci sarebbero un’infinità di cose da dire al riguardo e sicuramente rappresenta una tappa immancabile del tour. Purtroppo, la sua immensità richiede un’intera giornata da dedicare esclusivamente ad essa. Il prezzo del biglietto è a partire da € 17,53.

Pranzo a sacco o in uno dei Cafè che puoi trovare all’interno della reggia stessa. Rientro e Cena.

GIORNO 4

Piramide del Louvre. Foto di Edi Nugraha da Pixabay

Colazione da Claus – L’épicerie du petit-déjeuner, definita come la rivoluzione della colazione parigina, proprio di fronte al museo del Louvre.

Visita del Museo del Louvre (prezzo del biglietto € 17.55). Dopo la visita passeggiata nei famosissimi Champs Elysee.

Pranzo in uno dei numerosissimi ristoranti e Cafès del viale, godendo allo stesso tempo della sua magica atmosfera.

Visita del più famoso locale di Parigi il Moulin Rouge e del viale a luci rosse (forse, non adatto a tutta la famiglia). Per chi vuole vedere lo spettacolo della durata di due ore e mezza il costo è di £ 86,41 e comprende anche mezza bottiglia di Champagne. Il prezzo compreso di cena lievita progressivamente. Prima di entrare al Moulin Rouge, si consiglia di optare per soluzioni più economiche, non difficili da trovare, se si vuole risparmiare. Rientro in hotel.

GIORNO 5

La tour Eiffel. Foto di edmondlafoto da Pixabay

Ultimo giorno da ricordare. Colazione consigliata da Le Comptoir du Pantheon con vista su Pantheon e sulla Tour Eiffel.

Visita della famosa e immancabileTorre Eiffel.

Pranzo e rientro in hotel. Volo.

L’ideale per visitare la città, è quello di utilizzare i mezzi di trasporto pubblici. Trovare parcheggio è piuttosto difficile e renderebbe stressante gli spostamenti. Bus, metropolitana e treni sono perfettamenti funzionanti, e di solito il personale è disponibile a dare informazioni (contrariamente a quanto si creda). Inoltre, contrariamente che a Londra (molto più costosi), i taxi vengono visti come un comodo mezzo di trasporto.

Parigi è un’incantevole città da vivere e respirare. Nonostante molte persone optino sempre più spesso a fitti itinerari, condensati in tre, quattro giorni, consiglio sempre di prendere del tempo per godere della città. Sentite i colori, i sapori e l’atmosfera che solo Parigi può regalarvi.

E voi siete mai stati a Parigi? Che tipo di itinerario avete provato? Fatecelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *