Alla scoperta di Osaka: cosa vedere e cosa mangiare. Giorno 13- Il mio diario di bordo

Sveglia alle sette e in partenza per Osaka. È l’ultimo vero e proprio giorno in questo meraviglioso paese, e non vogliamo sprecare neanche un minuto.

Penso a come il tempo sia volato da quando abbiamo messo piede in Giappone. Io e il mio piccolo stormo abbiamo dato il massimo per vedere il più possibile, ma c’è così tanto che abbiamo perso.

Il massimo che possiamo fare è goderci questa ultima giornata al meglio. Abbiamo in mente di fare meno visite a monumenti, ma dedicarci di più a delle attività simpatiche.

Colazione gustosa in una bakery tradizionale di Osaka.

Arriviamo ad Osaka piuttosto presto. Abbiamo il tempo di fare colazione con calma in un posto locale. Troviamo una bakery dall’aspetto molto invitante. Ci sono tantissime gustose tentazioni ad un prezzo davvero conveniente.

Dopo la colazione molto abbondante decidiamo di provare la famosa Geisha experience. Non è difficile trovare uno dei centri adibiti a questo scopo, uno dei quali, è proprio vicino a dove abbiamo fatto colazione.

Le tariffe per affittare un kimono variano in base al tempo. Noi prendiamo quello da 4000 yen ( 34 euro all’incirca) che equivale a tre ore. Abbiamo così la possibilità di andare a scattare qualche foto e a visitare l’Osaka castle.

Quando affitti il kimono vieni abbigliata e acconciata come da tradizione.

Le impiegate ci acconciano i capelli e ci provvedono tutti gli accessori. Durante il nostro percorso fino al castello, sono tutti molto entusiasti di vederci abbracciare la loro cultura.

Persone che incontriamo per strada ci lusingano con complimenti, o ci chiedono di fare delle foto insieme.

Si mostrano molto più gentili offrendoci anche il posto in metropolitana. Il tutto sembra surreale ma rende l’esperienza più divertente.

Nei dintorni dell’Osaka Castle.

Dopo la visita del castello, e aver restituito il kimono, andiamo a visitare il Kaiyukan, l’acquario di Osaka. Il Kaiyukan è considerato uno degli acquari più grandi al mondo.

L’acquario è molto grande con molte specie al suo interno ma, personalmente, non sono rimasta piacevolmente impressionata.

Magrai è stata solo un impressione personale ma, gli spazi sembrano troppo piccoli per il numero di animali ospitati, e spesso privi di un fittizio ambiente naturale.

Nell’acquario di Osaka è dedicata una sezione ad un’ enorme varietà di meduse.

Abbiamo finito il tour del Kaiyukan quando ormai comincia a calare il tramonto. Come ultima tappa, non possiamo che non andare a Shinsaibashi, la principale area commerciale della città.

Qui si trova la via del cibo. Sgargiante e piena di luci, la via è un tripudio di colori e profumi. Impossibile resistere ai vari venditori di prelibatezze di ogni tipo, così alla fine cediamo.

Ci facciamo trasportare letteralmente dalla folla rapite da un profumo all’altro. Alla fine decidiamo di assaggiare diversi spiedini, skener, giapponesi. Sono squisiti e, letteralmente, uno tira l’altro.

La notte si accende a Shinsaibashi.

Si conclude qui la nostra ultima sera in Giappone. Il paese ha superato le nostre aspettative e, come già detto, nonostante abbiamo cercato di condensare quanto più possibile, c’è ancora molto da vedere.

La gente è fantastica e super disponibile (a meno che ti ritrovi in mezzo alla sua via mentre sta andando a lavoro lol). Ogni città e luogo permeato di una forte tradizione, completamente diversa da quella occidentale.

Che dire più? Questo è stato solo un assaggio, e sicuramente, faremo ritorno più volte per apprezzare al meglio tutte le sue meraviglie.

Osaka Castle, una delle ultime meravigliose forme di architettura visitate in Giappone.

Il giorno seguente la sveglia suona alle sette. Ci aspetta il treno a Kyoto station. Ultimo memorandum per la prossima volta: viaggiare con valigie piccole!

E tu sei mai stato nel paese del sol levante? Lascia un commento.

Se ti è piaciuto seguire il mio diario di bordo in Giappone, ti consiglio di dare una sbirciata alla mia avventura a Cuba 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *